Business coach in azienda per affrontare la rivoluzione 4.0

Il Business Coach aiuta l’imprenditore a sviluppare l’analisi del mercato ed alle opportunità che esso offre. Opportunità che devono essere colte al volo, non esiste una seconda chance. Spesso qualche imprenditore pensa ancora che sia sufficiente avere un sito internet o una pagina FB per essere al passo con i tempi ed essere un imprenditore digitale.  Probabilmente non comprende che il mondo e le condizioni di mercato cambiano velocemente. E’ una tecnologia che cambia di giorno in giorno.

Essere un imprenditore in era digitale è un’ altra cosa, deve studiare per comprendere il mondo economico in un modo diverso, deve saper valutare i vantaggi e gli svantaggi che la tecnologia porta con se, deve valutare oneri e benefici che trarrà dall’ adottare o meno una soluzione.

Negli ultimi 20 anni abbiamo vissuto la new economyla globalizzazione, l’ evoluzione digitale, l’imprenditore non ha compreso in tempo ed ha subito questo cambiamento perdendone le opportunità.

Nei prossimi 20 anni vedremo nuove tecnologie, gli smartphone diventeranno terminali per le :

  • (AR) Realtà Aumentata,
  • (VR) Realtà Virtuale,
  • (AI) Intelligenza Artificiale,
  • (IOT) Internet delle Cose,
  • (BD) Big Data,

Non sapete di cosa stiamo parlando ? ecco avete bisogno di un Coach.

Il coach è una figura professionale, attento a queste evoluzioni,  che allena l’ imprenditore ed i suoi collaboratori a identificare i punti critici ed aiutarlo a adeguarsi  a questo nuovo modo di lavorare.

Pensate all’ allenatore di una squadra di calcio, sta a bordo campo e fornisce ai giocatori un punto di osservazione diverso, suggerisce, cambia schemi, modifica i ruoli.

Bene il coach in azienda fa la stessa cosa, osserva il mercato, analizza i punti diforza e di debolezza di una azienda e allena la squadra per farle ottenere il meglio e battere il mercato.

Spesso e volentieri l’imprenditore che ama l’ azienda come una figlia ha una visione limitata e distorta della realtà, vive ed è stressato dal quotidiano, a volte ha delle intuizioni ma è troppo impegnato e stanco per portare avanti idee e progetti. Il coach oltre ad essere un valido interlocutore con il quale confrontarsi e condividere le proprie preoccupazioni, idee e progetti; è anche un punto di osservazione asettico che non subisce l’ influenza dell’ ambiente aziendale.