STAMPA 3D, come cambia la meccanica di precisione.

La stampa 3D dei metalli è basata sulla tecnologia innovativa SLS (sinterizzazione laser selettiva)  e DMLS  sono alla base di ogni produzione in stampa 3D di leghe metalliche ad esempio di alluminio, acciaio o titanio.
La sinterizzazione laser selettiva si differenzia dalle tecniche tradizionali perché invece di operare per asportazione di materiale, agisce su una base concettuale inversa, ossia per addizione di materiale (strato per strato), si parla quindi di fabbricazione stratificata.

Ciò permette la realizzazione di forme altrimenti non realizzabili con i metodi tradizionali, una notevole riduzione dei pesi, la quasi assenza di scarti da asporto.

I manufatti così ottenuti possono essere realizzati in  alluminio, acciaio, titanio ed altri materiali con gradi diversi di finitura con lavorazioni meccaniche e trattamenti specifici.

La prototipazione rapida è la capacità di realizzare prototipi o piccole serie da usare immediatamente in scala 1:1

Interi settori di ricerca sono all’ opera per studiare nuovi materiali utili alla stampa 3D ed in poco tempo saremo in grado di ampliare la gamma di produzione riducendo i costi dei manufatti.

I settori maggiormente interessati a queste tecnologie

  • Industria Aerospaziale ed aerospaziale
  • Meccanica di precisione, utensileria, meccanica biomedica
  • Racing e Mondo sportivo ad alte prestazioni
  • Gioielleria

L’ evoluzione della stampa 3D dipende da questi studiosi che si cimentano nella progettazione di nuovi materiali. Già oggi si stampano la pizza o la pasta; in un futuro non tanto distante si stamperanno  cellule umane per produrre organi e componentistica per la chirurgia.

Oggi la maggiore difficoltà incontrata da chi si approccia alla stampa 3D è la mancanza di conoscenza, tutti gli addetti sono un po’ pionieri alla ricerca di qualcosa che ancora non esiste e che probabilmente è disponibile solo a poche persone per via degli elevati costi e limiti produttivi.